Lodi è una città che ancora oggi conserva il suo aspetto medievale. Camminando lungo le vie del centro storico si ha l’impressione di immergersi in un’atmosfera di altri tempi. Ecco una breve carrellata di cosa vedere a Lodi.

La nuova città di Lodi è sorta nel 1158 sulla cima del colle Eghezzone, in seguito alla distruzione dell’antica Laus Pompeia. Il centro godeva inoltre della protezione dell’Imperatore Federico Barbarossa, rappresentato in un mezzo busto ancora visibile nella facciata del palazzo comunale.

Fin dal momento della sua fondazione, Lodi si arricchì di pregevoli edifici e monumenti. Per prima, la Cattedrale di Santa Maria Assunta, che conserva le spoglie di San Bassiano, Patrono della città. Fra le chiese più importanti troviamo quella dedicata a San Francesco, considerata il pantheon dei lodigiani.

Non mancano i conventi, come quelli di San Cristoforo e San Domenico, importanti testimonianze della presenza degli ordini religiosi in città.

Uno dei tesori più importanti che Lodi conserva è il Tempio Civico dell’Incoronata, capolavoro del Rinascimento lombardo, sorto sul luogo di una locanda malfamata in cui è avvenuto un evento miracoloso.

Ma cosa resta del passato di Laus Pompeia? A Lodivecchio è ancora possibile ammirare la Basilica di San Bassiano, un tempo dedicata ai dodici apostoli. Fondata nel 387 d.C. da Bassiano, primo Vescovo della neonata diocesi, rappresenta uno dei più raffinati esempi dello stile gotico-lombardo con la sua facciata in cotto e le bifore a “cielo aperto”.

Accanto a questi esempi, non manca l’aspetto contemporaneo. Renzo Piano ha lasciato la sua impronta con la Bipielle City, dimostrando come l’architettura di oggi possa valorizzare e rendere omaggio al passato.

Oltre ai monumenti e agli edifici qui descritti, a Lodi si possono inoltre vedere palazzi nobiliari di diverse epoche, raffinati esempi dello stile Liberty, chiese di epoca barocca e tanto altro!

 

 

 

VisitaLODI